Retorica del complotto

Retorica del complotto

Retorica del complotto
Usi e abusi di un concetto chiave del dibattito politico. Un’analisi brillante, da Marat a Craxi.

Autore: Zeffiro Ciuffoletti

Il Saggiatore, 1993

“Dalla paura nasce l’idea ossessiva di una congiura. Ogni sistema autoritario in pericolo ha gridato alla cospirazione. La teoria del complotto prevede la delegittimazione degli avversari grazie all’uso di argomenti che tendono a infangare le accuse e a rendere i cospiratori ombre di cui servirsi per sot- tolineare la propria purezza e l’integrità dei propri progetti. Questo disegno si è ripetuto da Marat a Barruel e alla cultura cattolica, dai Protocolli dei Savi Anziani di Sion a Hitler e Stalin fino all’Italia dei nostri giorni, la patria del complottismo. La trama dei complotti italiani del dopo-guerra si snoda dall’attentato a Togliatti e, passando per Piazza Fontana e via Fani, giunge fino a Capaci e alla Milano delle tangenti”.

Categorized as Libri

User comments

No Responses to “Retorica del complotto”

Leave a Reply