Italian sounding: il falso in tavola

L’Accademia Italiana della cucina ha dedicato un libro al Falso in tavola e cioè ai prodotti alimentari che imitano o fanno riferimento a nomi italiani famosi e affermati nel mondo. Il fenomeno è stato definito una sorta di agropirateria e consiste nella contraffazione di un prodotto alimentare tramite lo sfruttamento della sua notorietà. L’Italia e la Francia sarebbero i paesi più colpiti proprio in forza della fama dei loro prodotti. Per quanto riguarda i prodotti italiani si tratta essenzialmente di formaggi con in testa il parmigiano, poi vengono il prosciutto, l’olio d’oliva, la pasta, il vino, ma anche i sughi e le salse, tanto da rappresentare una vera e propria minaccia per la stessa tradizione gastronomica e culinaria del nostro paese. Il giro di affari riguarda almeno un miliardo e mezzo di dollari e la questione merita una seria riflessione, perché non si può ignorare un fenomeno di questa portata, né si possono fare delle analisi semplicistiche. Una cosa è l’imitazione dei nostri prodotti, un’altra cosa è la concorrenza sleale di chi camuffa il nome e il marchio dei nostri prodotti tipici. Nel grande gioco dell’economia globale occorre che gli attori facciano la loro parte, ma servono anche regole elementari per indicare in etichetta il paese di origine e le materie prime.

Nel mercato americano, ad esempio, i prodotti italian sounding, per via della crisi, guadagnano spazio, mentre i prodotti italiani veri e propri, a causa del loro prezzo, si vanno a collocare in una fascia di mercato riservata ai prodotti di nicchia. Bisogna che anche nei mercati esteri arrivino dei prodotti italiani di buona qualità, ma con prezzi contenuti. Questo sarebbe un modo per evitare di perdere quote di mercato in tempi di crisi e mantenere ai prodotti alimentari made in Italy la loro natura di prodotti buoni e popolari. Per questo occorre che l’Italia mantenga un settore agricolo attivo e moderno e una forte industria agro-alimentare.

Scritto per “Italia Oggi” il   02.09.2009

Categorized as Editoriali, Minima Culinaria
  • Posted on venerdì, agosto 27th, 2010
  • 0 comments

User comments

No Responses to “Italian sounding: il falso in tavola”

Leave a Reply